Speciali

Login



Tot. visite contenuti : 2314592

Notizie 2012

Trenord: arrestato l'Amministratore Delegato

Giornate nere per i pendolari lombardi, servizio ferroviario nel caos. Equipaggi dei treni disorientati per il nuovo programma turni inadeguato.

Giuseppe Biesuz, Mauro Moretti e Vincenzo SopranoMilano, 11 dicembre 2012 - La guardia di Finanza questa mattina ha arrestato Giuseppe Biesuz, (a sinistra nella foto, assieme a Mauro Moretti, ad delle Fs e Vincenzo Soprano, presidente di Trenord e ad di Trenitalia) amministratore delegato della Trenord Srl, società lombarda che gestisce il trasporto ferroviario regionale.

SICUREZZA LAVORO: FERROVIE, LEGGE 'AD PERSONAM' PER MORETTI E DELLA VALLE

La lobby dei trasporti e della pesca prepara il 'colpo di mano' al Ministero e in Parlamento. Rischio di un 'Testo Unico' differenziato sulla sicurezza nel lavoro. Il tragico elenco dei morti sui binari

Roma, 4 dicembre 2012 - IL COLPO DI MANO DELLA LOBBY DEI TRASPORTI. Mentre le ferrovie continuano a mietere vittime sia tra i lavoratori, che tra i normali cittadini, la potente lobby dei trasporti tenta il 'colpo di mano' per attenuare o addirittura eludere il rispetto delle norme generali di sicurezza sul lavoro: noi diciamo no a un Testo Unico differenziato che avvantaggerebbe solo gli imprenditori ferroviari come Moretti e Della Valle, amministratori di Fs e NTV assiemi ai loro 'colleghi' ed a tutti i dirigenti delle altre trenta imprese ferroviarie in circolazione sulla rete italiana.

STRAGE DI BRACCIANTI AL PASSAGGIO A LIVELLO: SEI MORTI A ROSSANO IN CALABRIA

Sei vittime per l'impatto tra un'automobile e un treno locale. La tragedia al ritorno da lavoro nei campi mentre attraversavano un Passaggio a Livello a gestione privata, incustodito e senza segnalazioni. I passaggi a livello continuano a mietere vittime. Utilizzare parte delle risorse dedicate al 'lusso ed al superfluo' ferroviario per i PL

Rossano (CS), 25 novembre 2012 - Una vera e propria strage. Sei braccianti agricoli sono morti ieri sera intorno alle 17 e 15 sulla linea ionica, mentre attraversavano un passaggio al livello, all'altezza del chilometro 155+400 in prossimità di Rossano, investiti dal treno locale 3753 partito da Sibari e diretto a Reggio Calabria, mentre tornavano da una dura giornata di lavoro nei campi.

MUORE PER INFARTO SU FRECCIAROSSA, SUI TRENI ITALIANI SOLO CEROTTI E DISINFETTANTE

40 MINUTI DI ATTESA: LA SALUTE DEI VIAGGIATORI AFFIDATA ALLA BUONA SORTE. I nostri RLS, inascoltati, hanno dennciato ripetutamente il problema.

Roma, 17 novembre 2012 - Non esiste alcuna regola per il pronto soccorso e la tutela della salute dei viaggiatori in caso di malore o infortunio quando sono sui treni: questa è la semplice verità, tornata tragicamente alla luce con la morte per infarto di un viaggiatore del treno frecciarossa Torino-Milano.

E' accaduto a Giorgio Masini, di 56 anni, morto giovedì scorso nella stazione di Rho, in attesa dei soccorsi. Il fatto è stato denunciato da un gruppo di viaggiatori i quali hanno assistito inermi, per quaranta lunghi minuti, all'agonia della sfortunato compagno di viaggio.

LICENZIAMENTO DE ANGELIS: TRENITALIA RINUNCIA AL RICORSO IN APPELLO

Le FS riconoscono il crudele errore commesso il giorno di ferragosto 2008, quando 'cacciarono' Dante De Angelis con la polizia dal deposito locomotive di Roma S. Lorenzo. Si è chiusa oggi in Tribunale la vicenda del licenziamento iniziata con il primo spezzamento dell'ETR 500 avvenuta a Milano il 14 luglio 2008. C'è voluto il terzo 'spezzamento', l'incidente di Anagni, il 24 gennaio 2009, per cambiare i tenditori e i protocolli di manutenzione dei treni frecciarossa. Ecco i documenti: Ministero dei trasporti - ANSF (relazione annuale 2009, pag 19)

 

Roma, 12 novembre 2012 - Oggi brindiamo alla rinuncia da parte delle Fs del ricorso in appello sul licenziamento di Dante De Angelis; hanno finalmente riconosciuto il crudele errore commesso il giorno di ferragosto del 2008, quando il 'nostro' macchinista fu cacciato dal lavoro con l'aiuto della Polfer.

La chiusura definitiva della vertenza sul procedimento giudiziario in corso per il licenziamento del macchinista e delegato alla sicurezza Dante De Angelis, espulso da Trenitalia il 15 agosto 2008 per aver denunciato pubblicamente i ripetuti incidenti avvenuti ai treni eurostar è avvenuta oggi di fronte alla Corte d'Appello di Roma con una transazione.

Altri articoli...

L'ultimo numero

Siti amici

J!Analytics