Speciali

Login



Tot. visite contenuti : 2315352

DA “BOLOGNA CENTRALE” A “BOLOGNA 2 AGOSTO”

STRAGE DI BOLOGNA DEL 2 AGOSTO 1980, 40 ANNI DOPO.

DA “BOLOGNA CENTRALE” A “BOLOGNA 2 AGOSTO”.

Bologna, luglio 2020 -  I ferrovieri di Bologna, in attività e pensionati, condividono la proposta di modificare il nome della stazione di Bologna da “Bologna Centrale” a “Bologna 2 agosto” e sollecitano le società del Gruppo FS e il suo amministratore delegato, Gianfranco Battisti, ad accogliere l'iniziativa per onorare la memoria delle 85 vittime e delle centinaia di feriti.

Sentiamo il dovere civico e morale di rammentarne sempre le ragioni, il come e per mano di chi, 85 persone innocenti vennero massacrate e persero la vita, nella piazza o in stazione, mentre aspettavano di prendere un treno fermo in primo binario. Troppi, negli anni, sono stati gli insabbiamenti e i depistaggi nella ricerca della Verità, troppo il dolore dei familiari.

E' necessario lasciare una traccia tangibile nella memoria collettiva e nelle giovani generazioni, visibile a tutti coloro che passano da Bologna, dell'immane tragedia causata dall'odio fascista contro inermi cittadini e dal rigurgito eversivo contro le Istituzioni democratiche. La strage, che porta le firme del terrorismo nero, della massoneria e dei servizi deviati, doveva favorire la svolta autoritaria nel Paese.

Anche se la gran parte dei ferrovieri in servizio oggi quel giorno non era ancora nata, non potrebbe essere altrimenti: non possiamo non ricordare.


Perché per noi stazioni, treni, binari, uffici e officine, sono una seconda casa, ci lavoriamo, ci mangiamo, condividiamo assieme ai compagni di lavoro una gran parte della nostra vita. Il ricordo di quella giornata di distruzione e morte non potrà mai essere cancellato, non solo per noi di Bologna, ma per tutti i ferrovieri.

Sosteniamo pertanto l’Associazione dei familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980, affinché come richiesto dal suo Presidente, Paolo Bolognesi: “È un modo nazionale e internazionale per poter ricordare quanto accadde quarant’anni fa. Semplicemente viaggiando, con la dicitura ‘2 agosto’ sui biglietti, le persone possono ricordare che questa è la stazione dove avvenne la strage”.

Per non lasciare che il peso della memoria di quell'orrore sia consegnato solo ai familiari, alla magistratura, ai giornalisti, agli storici e alla città di Bologna.

… Per noi l’orologio della stazione di Bologna sarà sempre fermo alle 10.25 del 2 agosto del 1980.

Chiediamo a tutti i ferrovieri, in servizio e pensionati, ai cittadini democratici, di sottoscrivere questo appello, da inviare al Sindaco di Bologna, ai Familiari, all'A.D. di FSI e rendere pubblico a mezzo stampa.

Senza Memoria non c’è Futuro

Si potrà firmare la petizione fisicamente a Bologna, negli appositi spazi allestiti nei vari impianti, oppure on-line su questa piattaforma digitale: 

 "DEDICHIAMO LA STAZIONE ALLA MEMORIA DELLE 85 VITTIME, DA “BOLOGNA CENTRALE” A “BOLOGNA 2 AGOSTO”.

Promotori:

R.S.U. 29/R.L.S. Equipaggi D.P.L.H. Bologna - TRENITALIA                        

R.S.U. 74/R.L.S.  O.G.R. Bologna - TRENITALIA

R.S.U. 46/R.L.S. Equipaggi Regionale E.R. TRENITALIA-TPER        

R.S.U. 25/R.L.S. Equipaggi A.V. Bologna - TRENITALIA

R.S.U. 63/R.L.S. E.R.  MERCITALIARAIL                     

R.S.U. 37/R.L.S. Comm.le, Vendita e Assistenza E.R. - TRENITALIA

R.S.U. 7/R.L.S. Manutenzione Infrastruttura e Circolazione E.R. - R.F.I.

R.S.U. 16/R.L.S.  O.N.A.E.E.  Bologna - R.F.I.

Commenti   

 
0 #1 GROSSI PAOLO 2020-07-15 08:01
iniziativa sacrosanta,perc he' la memoria di certe cose non deve andare persa,anzi deve essere tramandata ai posteri.Possono cambiare nome o aspetto,ma sempre fascisti rimangono e come tali vanno trattati.Fui assunto a Milano,come aiuto macchinista il 3-3-1980e quella mattina ero a bologna cle ed ebbi la fortuna che il mio treno parti' alle 5.15 direzione milano.
Citazione
 

L'ultimo numero

Siti amici

J!Analytics