Speciali

Login



Tot. visite contenuti : 2204974

Proclamato Sciopero Per Il 26 Settembre

FS: RSU E RLS, PROCLAMATO SCIOPERO PER IL 26 SETTEMBRE
CONTRO I LICENZIAMENTI DI FERRAGOSTO

Roma, 15 set. - (Adnkronos) - «Oggi, ad oltre un mese dai licenziamenti degli otto ferrovieri delle Officine di Genova e del macchinista Rls di Roma S. Lorenzo, Dante De Angelis, non vi è stato alcun cenno di ripensamento da parte aziendale, nè altre azioni sindacali di contrasto a questi provvedimenti gravemente sproporzionati e del tutto ingiustificati, nonostante fossero stati ritenuti ingiusti e condannati all'unanimità dal mondo politico e sindacale, oltre che dall'opinione pubblica».

È quanto si legge nella nota dell'Assemblea Nazionale dei Ferrovieri, organismo cui aderiscono lavoratori e delegati Rsu/Rls iscritti a tutte le sigle sindacali, che ha proclamato oggi un primo sciopero nazionale di tutti i ferrovieri dalle ore 9,01 alle 20,00 di venerdì 26 settembre. «In particolare, il licenziamento di un Rls - prosegue la nota - rappresenta una inaccettabile restrizione del diritto dovere dei lavoratori a partecipare attivamente e criticamente alla realizzazione delle condizioni di sicurezza per se stessi ed i viaggiatori, proprio mentre proseguono incessanti, anche nelle Fs, le morti bianche. Siamo costretti a scioperare contro questi licenziamenti anche perchè - specificano i delegati - sono stati utilizzati come arma impropria di ricatto, per condizionare la delicata trattativa sindacale in corso su manutenzione, macchinista unico e stazioni: il taglio generalizzato degli organici comporterebbe, oltre che pesanti risvolti occupazionali, che incideranno sugli standard di sicurezza, anche tagli ai servizi pendolari, merci ed ai collegamenti Nord-Sud». (Rre/Gs/Adnkronos) 15-SET-08 19:09 NNN


La reazione di sconcerto e di sdegno che il licenziamento del nostro collega RLS De Angelis ha suscitato nell'opinione pubblica, e che ha visto persino i Segretari generali di CGIL CISL e UIL stigmatizzare il comportamento dei vertici aziendali del Gruppo FS, ci impongono, come ferrovieri e come cittadini, di rispondere con forza all'atto di aggressione ai diritti democratici perpetrato dalla nostra dirigenza aziendale. Non potevamo attendere oltre: dobbiamo agire con la massima unità possibile contro questi pesanti attacchi alla democrazia e alla libertà di espressione sindacale.
(Dal RLS Roberto De Paolis)

L'ultimo numero

Siti amici

J!Analytics