Speciali

Login



Tot. visite contenuti : 1567086

Soste per servio

QUESITO
Supponiamo di effettuare due treni. Il primo da A fino ad E ed il secondo da E fino ad A, le cui percorrenze complessive sono di 1h ciascuno (come da scheda treno). Le fermate intermedie B, C, D in andata e ritorno prevedono una sosta per servizio viaggiatori di 1 minuto ciascuna. E' corretto ai fini economici dire che e' stata effettuata una condotta al netto delle soste di 1h e 54 minuti?
Macch. Francesco Crea - I.T.A. Savona

RISPOSTA
No! I limiti di condotta definiti dal CCNL al punto 2.10 dell’Art. 22 hanno solo valore normativo, cioè, sono necessari per stabilire se un servizio di turno o comandato sia conforme oppure no. Nel caso in esame è corretto (ma non riteniamo che sia giusto) dire che il limite di condotta ai fini normativi sia di 1 ora e 54 minuti, pertanto conforme ai limiti previsti sia che si tratti di un servizio a semplice che a doppio agente. Non è corretto invece affermare la stessa cosa quando parliamo di fini economici (vedere definizione di condotta punto 2.2 dell’Art. 22) , infatti in questo caso la condotta è di 2 ore. Gli aspetti economici controversi, legati all’indennità di utilizzazione, sono, invece, le modalità di conteggio delle ore di lavoro e di condotta nelle stazione che determinano le c.d. “tratte di condotta” nelle quali, a differenza di tutte le altre, determinano la soluzione di continuità della condotta e quindi una perdita economica per il personale, anche quando effettua uno stesso treno. Questa vecchia disposizione non è mai stata conforme ai contratti.

L'ultimo numero

Siti amici

J!Analytics