Speciali

Login



Tot. visite contenuti : 1568051

Notizie 2010

Ferroviere muore folgorato a Livorno Ferraris

Un altro giovane compagno di lavoro ha perso la vita sui binari, folgorato durante un intervento sulla linea eletttrica Torino Milano.
Il numero dei morti e degli infortuni sul lavoro nelle ferrovie hanno raggiunto livelli intollerabili.
Assieme al dolore e al lutto esprimiamo la nostra indignazione per le omissioni e le ipocrisie che siamo costretti a subire ogni volta che muore un lavoratore.
Sollecitiamo la magistratura ad intervenire con fermezza per arginare questa strage che avviene nell'indifferenza dei verici aziendali.

11 colleghi apprendisti non "confermati"

11 nostri colleghi, capitreno e macchinisti apprendisti, hanno perso il lavoro perchè non “confermati” dall'azienda.

Un gesto di arroganza che non trova giustificazione alcuna. Hanno lavorato con noi, fianco a fianco, per quattro anni, stesso lavoro, stesse responsabilità e salario più basso.

Un fatto gravissimo, che diventa particolarmente odioso: per il macchinsita di milano, Andrea Antonelli, coinvolto nell'incidente di Viale Monza e della capotreno, Silvia Pavone, vittima di un grave infortunio causato da un'aggressione in treno.

Ancora una frana sui binari

Ancona una frana sui binari, vogliamo più tutele e meno propaganda.

È inaccettabile che il divario tra l'alta velocità e il normale servizio ferroviario inizi ad interessare anche aspetti di sicurezza.

Sono passati solo solo 10 giorni da quando, vicino sassari, un macchinista è morto per la stessa ragione, la zona è impervia e soggetta a rischi: perchè non ci sono reti e dispositivi di protezione?

Stavolta è andata bene, solo spavento e tanti disagi ma non possiamo confidare sempre nella fortuna.

L'ultimo numero

Siti amici

J!Analytics