Speciali

Login



Tot. visite contenuti : 1613941

Notizie 2007

Trasporti: 200 anni di record di velocità su rotaia

(ANSA) - ROMA - Il Tgv, il treno ad alta velocità francese, ha stabilito oggi il primato mondiale di velocità su rotaia raggiungendo, sulla nuova linea Parigi-Strasburgo, i 574,8 chilometri orari. Venerdì scorso, durante una corsa di prova, lo speciale convoglio costruito dalla Alstom aveva toccato i 568 km/h, ma il record non aveva potuto essere omologato. L'obiettivo, raggiunto, era quello di battere il precedente primato ottenuto quasi 17 anni fa, con 515,3 chilometri orari, da un altro Tgv di generazione precedente, un Tgv Atlantique e rinverdire cosi' i fasti della Francia nell'ambito dei record di velocità su binari.

Trasporto merci su rotaia

Sicurezza, ambiente e lavoro

Un'esigenza condivisa o uno slogan per campagne elettorali?

I ferrovieri in difesa del trasporto merci su rotaia come elemento irrinunciabile per il riequilibrio economico, sociale ed ambientale

Le graduatorie di trasferimento si possono visionare

Il 26 marzo 2007 il TAR del Lazio, con sentenza 2591, ha accolto il ricorso di un macchinista contro Trenitalia; l'azienda aveva respinto la sua richiesta di prendere visione e fare copia della graduatoria trasferimenti in cui era inserito.
"Coloro che hanno partecipato alla formazione di una graduatoria, manifestando la loro disponibilità hanno interesse a prenderne visione. Non si viola l'interesse alla riservatezza degli altri, al contrario si soddisfa l'esigenza di trasparenza e di chiarezza dell'azione amministrativa".

Padoa Schioppa: biglietti più cari e meno lavoratori

Il ministro dell'Economia appoggia il piano delle Ferrovie: alzare le tariffe e ridurre i posti di lavoro. Contrari i sindacati. Epifani: «Serve un piano industriale serio» Si potrebbe prendere per buono quello che ieri ha dichiarato Tommaso Padoa Schioppa, che cioè i treni in molti paesi d'Europa sono molto più cari che qui, nel Belpaese. Aggiungendo anche, però, cosa che il ministro dell'Economia omette, che sulla qualità del servizio c'è almeno la stessa abissale distanza. Quel che si prepara invece in casa Fs è una ricetta ormai nota: l'ennesimo ritocco alle tariffe e una consistente sforbiciata dell'occupazione.

«Non archiviate quella strage»

Non hanno intenzione di mollare la presa soprattutto dopo che per la prima volta un'inchiesta ha scritto nero su bianco che le ferrovie italian e non sono al passo con i tempi sua sicurezza. I ferrovieri dell'Orsa hanno fatto opposizione alla richiesta di archiviazione della procura di Bologna per i vertici di Rete Ferroviaria Italiana nell'inchiesta sul disastro di Crevalcore. Prima di loro a opporsi è stata la famiglia di Vincenzo De Biase uno dei macchinisti morti nello scontro tra i due treni alla piccola stazione di Bolognina il 7 gennaio 2005.

Salvare le ferrovie: stop alle privatizzazioni

L'Assemblea nazionale discute del prossimo sciopero: in ballo sicurezza per tutti, contratto, diritti.
13 marzo 2006 - Un'assemblea di lavoratori che dà lezioni di economia politica. Sono ferrovieri, gente che - come spiega il prof. Vezio Ruggeri - «ha una professionalità altissima e altrettanta consapevolezza». A un anno dalla sua costituzione, l'Assemblea nazionale - che riunisce delegati rsu e rls iscritti a quasi tutte le sigle sindacali presenti in Fs - è un caso ormai rilevante di «democrazia sostanziale».

Assemblea Ancora In Marcia: Padova, 6 marzo 2007

Affollata assemblea a Padova fra macchinisti dell’area nord-est con voglia di esprimersi fra i molti, di raccontare il proprio vissuto e di proporre idee e spunti per il seguito delle iniziative del giornale (e non solo).
La peculiarità di questo incontro è stata la nutrita presenza di molti giovani, prevalentemente appartenenti alla cargo, con necessità e bisogni propri del lavoro in quella zona (recenti incidenti, gallerie, trasporti merci pericolose, turni, e altro ancora).

A Genova festa speciale per i ferrovieri reintegrati!

i ferrovieri riassuntiÈ una festa rara da vedere, da qualche anno a questa parte. Si celebra una vittoria dei lavoratori. Ma siccome i tempi per il mondo del lavoro restano comunque «cupi», la festa sancisce anche la rinascita di uno strumento antico: la cassa di mutuo soccorso. Genova Principe: nella sala del dopolavoro della stazione ferrovieri provenienti da tutta Italia danno il «bentornati tra noi» ai cinque licenziati cui l'azienda ha dovuto revocare il provvedimento: 4 liguri che avevano permesso le riprese per la trasmissione di Rai3, Report, e il romano Dante De Angelis, delegato alla sicurezza che si era rifiutato di guidare un Eurostar dotato di pedale a «uomo morto».

Crevalcore: i RLS si oppongono all'archiviazione

(DIRE) Bologna, 2 apr. - "Non possiamo tollerare che i vertici delle Ferrovie e del Ministero escano dall'inchiesta senza che il loro comportamento, improntato a ciniche e fredde ragioni economiche, sia almeno sottoposto al vaglio processuale".

Altri articoli...

L'ultimo numero

Siti amici

J!Analytics