Speciali

Login



Tot. visite contenuti : 2070862

24 ore di sciopero in tre regioni

Oggi i ferrovieri di tre regioni, Toscana, Liguria e Piemonte scioperano per difendere, pur con diverse piattaforme diritti, turni, relazioni industriali, diritti e contro il taglio dei servizi.

Nel caso della Toscana si sciopera anche contro il licenziamento di 11 apprendisti e l'odiosa punizione al delegato RSU di Firenze, Andrea Piazzini.

Fatto oggetto da parte del dirigente, Andrea Bresciani, di una pesante quanto ingiustificata sanzione disciplinare di otto giorni di sospensione, aveva rifiutato l'istruzione professionale al termine di un turno di lavoro iniziato alle 2 di notte!

In attesa che i sindacati, invece di frammentare le nostre forze con scioperi parziali e settoriali, invitiamo tutti i colleghi a non indebolire l'azione di sciopero con collaborazioni extracontrattuali e a lavorare nel rigoroso rispetto delle regole.

In Piemonte e Liguria lo sciopero del personale di Trenitalia e RFI è stato indetto dalle segreterie regionali Filt, Fit, Uilt, Fast, Ugl, OrSA.
In Toscana, invece, l’agitazione è stata indetta dalla segreteria regionale OrSA per tutto il personale del Gruppo FS e dalla RSU 47

RSU 47 Firenze Collegio Bordo

Perché scioperiamo…

Sono due anni che dall’azienda non abbiamo nessuna convocazione, nessuna risposta, nessuna notizia. Sono stati due anni di tracollo totale per il nostro impianto: tagli alla produzione, violazioni contrattuali, turni di lavoro massacranti, materiali rotabili fatiscenti e pericolosi. Richieste, proteste, iniziative non sono mancate ma, da parte aziendale, niente di niente se non il proseguire nell’affossamento di Firenze. Gli unici provvedimenti che non tardano ad arrivare sono le “inchieste” contro il personale e cercare di metterci a tacere punendo un delegato sindacale con otto giorni di sospensione. Siamo stati costretti a questo sciopero perché, oltre ai fatti concreti, rivendichiamo la dignità dei nostri lavoratori! Davanti al Prefetto, il dott. Bresciani ha confermato ciò che pensa della RSU come rappresentante dei lavoratori: per lui non esiste! Quindi non esistono i lavoratori che l’hanno eletta! Tutto molto semplice! La situazione che vediamo viene da questo: così come vogliono lavoratori ubbidienti e silenziosi, vogliono, di conseguenza, una RSU “soprammobile”. Questo sciopero gli ha già dimostrato che si sbagliano e scioperando compatti il concetto gli sarà più chiaro!!! In questi mesi corrono voci incontrollate ed incontrollabili, più siamo rassegnati più facile per loro colpirci ancora. Sarà inutile poi recriminare e piangere a cose fatte, se lottiamo abbiamo una speranza, se restiamo inermi nessuno correrà a salvarci!!!

L'ultimo numero

Siti amici

J!Analytics