Speciali

Login



Tot. visite contenuti : 1616017

LETTERA APERTA

A SORVEGLIANZA SANITARIA - ISTITUZIONI - MASS MEDIA.

ALLARME MORTI PREMATURE TRA I MACCHINISTI

Ci dispiace se dobbiamo ripeterci.


Ci dispiace se siamo insistenti.


Ci dispiace se parliamo ancora di colleghi morti, giovani, di malattie, di un lavoro che sta decimando un'intera categoria.


Però non possiamo fare altrimenti.


Dobbiamo dare oggi la notizia di altri due Macchinisti morti, di 54 e 56 anni, che portano a 44 il totale degli ultimi tre anni (stima per difetto).

Si tratta di un collega di 56 anni, del Lazio, deceduto a causa di un tumore e di uno di 54 del Piemonte.


La notizia da fastidio? Annoia? Intristisce?


Non possiamo farci niente.

Ci siamo fatti carico di tenere questo triste conteggio, nella totale indifferenza aziendale e sindacale.
 Ci siamo impegnati a non dimenticare i colleghi che ci lasciano, le cui morti gridano vendetta.
 E vogliamo urlare la nostra rabbia a tutti: a tutti i giornalisti, politici e sindacalisti che ci hanno sempre ascoltato , chiedendo loro ancora aiuto, ma soprattutto a coloro che invece hanno trovato più comodo ignorarci, a chi poteva fare e invece non ha alzato un dito.
 A chi ritiene giusto farci lavorare 10 o 11 ore al giorno, tre notti alla settimana, senza mangiare, da soli in cabina di guida …


A chi trova normale che in una categoria con un'aspettativa di vita di 64 anni e mezzo (ma oggi anche meno!) si vada in pensione a 67.

Siamo quindi arrivati a 44 morti in 3 anni, e la scia pare non volersi fermare.
Noi di sicuro non ci arrendiamo e continueremo a fare la nostra parte fino in fondo, augurandoci che il nostro impegno possa contribuire a salvare un gruppo di lavoratori da anni sotto attacco ma oggi più che mai.


La redazione di ancora In Marcia!

18 OTTOBRE 2017

L'ultimo numero

Siti amici

J!Analytics