Speciali

Login



Tot. visite contenuti : 1506494

PENSIONE FERROVIERI: LA NOSTRA LOTTA CONTINUA

NOI NON CI ARRENDIAMO. PREPARIAMOCI ALLA BATTAGLIA LEGALE.

Disponibile il MODELLO DI LETTERA da inviare all'INPS per preparare le condizioni del ricorso. Scarica e diffondi la locandina dell'iniziativa.

Firenze, 11 luglio 2016 - Naufragati tutti i tentativi di risolvere il dramma delle nostre pensioni con la politica, abbiamo individuato un percorso giudiziale che prevede un ricorso alla Corte dei Conti contro l'interpretazione, a nostro parere arbitraria, espressa dall'INPS con la Circolare N. 35 del 14 marzo 2012.

Ad avallare tale convinzione c'è un importante documento del Senato della Repubblica: il Dossier N. 12 di Maggio 2013 del Centro Studi del Senato che è perfettamente in linea con quanto da noi sostenuto.
Per seguire il percorso giudiziale è necessario contattare un legale: ancora In Marcia mette a disposizione i suoi avvocati, con l’obiettivo di mettere in campo un’iniziativa coordinata. 
Stiamo lavorando per formare gruppi di circa 20 ricorrenti (per contenere i costi, i quali potranno avere delle leggere differenze da località a località) e presentare domanda di pensionamento all'INPS di appartenenza, per poi procedere con i ricorsi di gruppo.

Possono presentare domanda tutti i ferrovieri del Personale Mobile che hanno compiuto i 58 anni di età e ne hanno almeno 25 di contributi. In caso di risposta negativa o in assenza di risposta, trascorso il periodo individuato dagli avvocati si potrà presentare istanza di ricorso alla Corte dei Conti territorialmente competente.
A Roma un gruppo di 22 macchinisti sarà pronta a presentare ricorso i primi giorni di agosto, ma anche altri territori si stanno già organizzando.
Invitiamo tutti i colleghi, che oggi hanno già compiuto i 58 anni e ne hanno almeno 25 di contribuzione, a presentare subito domanda di pensionamento all'INPS di appartenenza, utilizzando il modello da noi predisposto, completandolo con i propri dati personali e inviandolo con Raccomandata AR alla sede INPS di competenza dove è costituito l'apposito ufficio dedicato al "Fondo Ferrovieri", anche se al momento non intendono presentare ricorso ma unicamente allo scopo di interruzione di eventuale prescrizione.

Per ulteriori chiarimenti e per le precise indicazioni della procedura da seguire, potete contattare le nostre sedi, che vi forniranno i nominativi dei nostri responsabili delle diverse località.

----------ooo0ooo----------

Di seguito il testo della lettera Raccomandata AR da inviare all'INPS competente secondo la propria residenza.

DA SPEDIRE MEDIANTE RACCOMANDATA CON AVVISO DI RITORNO

(SCARICA IL MODELLO PRECOMPILATO IN PDF)



Mittente:.............................

...........................................

..........................................



Spett.le INPS
                        Fondo Ferrovieri
                        . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Oggetto: riconoscimento del diritto al collocamento in quiescenza


Io sottoscritto. . . . . . . . . . . . . . ......... . . . . . . . . . . . . . . . . nato a. . . . . . . . . .. . . . . . . . . .. . . .. . . . . .. . . .. . . . .  il. . . . . . . . . . . . . . . . , codice fiscale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . , dipendente delle Ferrovie dello Stato dal ...... .... . . ...... ..... .. . ed oggi dipendente dalla società ................................  con la qualifica di ............................., residente in via/piazza ................................................................................ città .......................... CAP ................... avendo raggiunto l’età anagrafica di 58 anni e l’anzianità di servizio di 25 anni, chiedo il riconoscimento del mio diritto di essere collocato in quiescenza in applicazione della normativa contrattuale.
Alla mia posizione non può applicarsi infatti la disciplina prevista dall’art. 24 del D.L. 201/11, convertito con modificazioni dalla L. 214/11, per i lavoratori e le lavoratrici la cui pensione è liquidata a carico dell'Assicurazione Generale Obbligatoria, in quanto per i dipendenti FS iscritti al Fondo speciale presso l’INPS devono essere ancora adottate le misure di armonizzazione previste dal comma 18 del medesimo articolo.
Contesto, a tale riguardo, la diversa interpretazione del disposto di tale norma seguita da Codesto Istituto con la circolare 35/12 (punto11.4), in quanto contrastante con la nota intenzione del legislatore e fondata su un mero refuso contenuto all’interno del citato comma 18.
Rimango in attesa di una Vostra cortese e sollecita risposta.
In difetto, mi vedrò costretto a rivolgermi all’Autorità Giudiziaria per il riconoscimento delle mie ragioni.
Distinti saluti

Data ................................                                          Firma                                            
                                                                . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

INDIRIZZO PER CORRISPONDENZA:

..............................................................................................................................................................................

      


Commenti   

 
0 #1 luigi apicella 2016-07-17 12:14
A proposito della lettera da inviare allo INPS, Vi chiedo cortesemente trasmettermi il mod. che avete predisposto per coloro (il mio caso) che han di già superata la soglia anagrafica dei 58 anni.
Lo cerco ma non ne trovo traccia, forse non ne son capace.
Me ne ha dato notizia, della sua esistenza, il caro Andrea Acierno Vs. referente. Comunicatemi gentilmente, nel caso non potete, come ovviare affinchè io possa produrre la mia missiva per l'INPS.
Rimanendo in attesa gradite il mio ringraziamento.
Citazione
 

L'ultimo numero

Siti amici

J!Analytics