Speciali

Login



Tot. visite contenuti : 1614718

Licenziamento Antonini: Riccardo rigetta proposta indecente di Moretti

Conciliazione fallita, Mauro Moretti rifiuta la proposta del Giudice, Riccardo rigetta la proposta 'indecente' di Moretti per '... dignità e per il rispetto delle vittime della strage di Viareggio'. Prosegue la causa per il licenziamento, la prossima udienza si terrà l'11 marzo 2013. Proposta del Giudice. La proposta di Riccardo. La proposta indecente di Moretti.


Lucca, 24 gennaio 2013 - Si è concluso con un mancato accordo, il tentativo di conciliazione avviato da Giudice del Lavoro di Lucca, Luigi Nannipieri, nella causa contro il licenziamento del nostro compagno di lavoro Riccardo Antonini, operaio addetto alla manutenzione infrastrutture di Rfi Spa. Come molti sanno è stato licenziato per espressa volontà dell'amministratore delegato del gruppo Fs, Mauro Moretti, imputato nel processo Viareggio, (il quale potrebbe impiegare meglio il suo prezioso tempo di lavoro dedicandosi di più a garantire il buon andamento e la sicurezza dei treni). Motivo utlizzato per il licenziamento è la sua partecipazione come consulente tecnico dei familiari e della Cgil, alle fasi tecniche dell'incidente probatorio, per la pretesa incompatibilità tra il ruolo di dipendente e la posizione processuale della società Rfi, imputata, ai sensi della legge 231 sulla responsabilità civile delle imprese.

Un secondo motivo è legato alle contestazioni ricevute dallo stesso Moretti a Genova, nel settembre 2011, durante il dibattito ad una festa del Pd, al quale era presente anche Riccardo, assieme - come si vede nella quì sopra - ai familiari delle vittime della strage di Viareggio.

MORETTI RIFIUTA LA PROPOSTA DEL GIUDICE - Il Giudice aveva proposto, come prevede la legge, già nella prima udienza del 5 luglio 2012, una conciliazione per evitare la causa ed il giudizio, invitando le parti ad accordarsi su un testo che prevedeva per Riccardo l'interruzione dell'attività di Consulente Tecnico di Parte nel processo penale per la strage di Viareggio – la cui udienza preliminare si svolgerà in primavera – e da parte dell'azienda la revoca del licenziamento e la concomitante trasformazione in una sanzione 'conservativa', ovvero alcuni giorni di sospensione, senza nessuna condizione vessatoria aggiuntiva. Questa proposta sicuramente equa, rispetto al contesto in cui è stato disposto il licenziamento, sembrava fosse stata accettata dai legali aziendali e dai dirigenti delegati a gestire il contenzioso ma è stata poi personalmente rigettata da Moretti.

LA PROPOSTA 'INDECENTE' DI MORETTI - Interferendo direttamente nella trattativa, l'ad del gruppo Fs, con la sua proposta 'indecente' voleva imporre la rinuncia perpetua per Riccardo a qualsiasi costituzione in giudizio contro le società del gruppo Fs e di tutti i dirigenti eventualmente coinvolti in procedimenti penali, anche futuri; una sorta di veto padronale eterno all'esercizio dei diritti costituzionali ed a quello, inalienabile, di rivolgersi all'autorità giudiziaria a tutela degli interessi personali e collettivi. Nonostante il potente ufficio Stampa delle Fs (forse il più nutrito e costoso nel panorama delle grandi aziende italiane, pagato con i soldi dei contribuenti) che con un comunicato ha tentato di rovesciare il senso di quanto accaduto, sono stati Moretti e l'azienda a rifiutare la proposta già formalizzata del giudice, basta leggere i documenti per rendersene conto. Se potessimo farlo correggeremmo con la matita blu il loro comunicato, almeno per fornire una più corretta informazione all'opinione pubblica.

LA PROPOSTA DI RICCARDO - Riccardo ha presentato a sua volta una proposta che pur tenendo conto di alcune richieste della controparte impedivano a Moretti lo sconfinamento su un terreno estraneo al contratto di lavoro respingendo il suo maldestro tentativo come 'padrone', di umiliarlo pubblicamente. "Se e quando rientrerò in ferrovia, questo sarà in piedi e a testa alta, non in ginocchio e con il cappello in mano, come vorrebbe il sig. Moretti", è stata la serena e ferma dichiarazione di Riccardo che ha poi motivato con una lettera la sua decisione che tutti noi condividiamo.

A CHE SEVONO I DIRIGENTI DI RFI ? -  Praticamente Moretti ne ha fatto una questione personale - dalla quale avrebbe fatto meglio ad astenersi in quanto imputato proprio nel processo penale da cui nasce il contenzioso - nonostante si tratti di un provvedimento interno della Rfi Spa, società del gruppo che sulla carta è dotata di piena autonomia, di un poderoso apparato burocratico e manageriale, presidente, amministratore delegato, consiglieri di amministrazione e diverse centinaia di dirigenti, che pur mantenendo la carica, sono di fatto esautorati dalla gestione di questa vicenda che è ormai riconosciuta da tutti come un 'licenziamento politico' (ad uso personale di Moretti) per motivi del tutto estranei alle ragioni contrattuali utilizzate come pretesto formale.

IL POTERE DATORIALE USATO PER MOTIVI PERSONALI - In un paese 'normale' sarebbe additato alla 'pubblica riprovazione' quel dirigente che, facendo leva sul grande potere che la collettività gli ha conferito per gestire un prezioso servizio pubblico quale è quello ferroviario, si accanisce per motivi personali contro un 'suo' operaio, prima licenziandolo e poi imponendogli col ricatto occupazionale la rinuncia ai diritti ed alle libertà civili garantite dalla Costituzione a tutti i cittadini.

UN SEMPLICE MA TEMUTISSIMO OPERAIO - Moretti voleva imporre a Riccardo, il divieto di presentarsi in tribunale come consulente, non solo nel processo sulla strage di Viareggio ma per qualsiasi altro procedimento in cui nel futuro potrebbero essere imputate le numerose società e lo sterminato numero di dirigenti del gruppo fs; una sorta di salvacondotto della casta ferroviaria contro le iniziative legali di un semplice ma temutissimo operaio.

UN 'FAVORE' A TUTTI I PADRONI – Con questo maldestro tentativo di calpestare la dignità di un lavoratore dalla 'schiena dritta' probabilmente la dirigenza ferroviaria intendeva svolgere anche un lavoro 'per conto terzi' aprendo la strada agli altri 'padroni' per cancellare i diritti civili di tutti i lavoratori impedendone la costituzione in giudizio. Basta licenziarli con un pretesto e poi, imporgli di rinunciare a questo o quel diritto...

A FIANCO DI RICCARDO - Una storia di prepotenza dei forti contro i più deboli nella quale Riccardo trova al suo fianco tutti i ferrovieri, i lavoratori, lavoratrici e quanti hanno a cuore l'uguaglianza e la giustizia sociale. Un sostegno particolare lo riceve dall'associazione dei familiari delle vittime, “Il Mondo che vorrei”. “Se Riccardo avesse accettato - dice la presidente, Daniela Rombi  - anche la nostra battaglia avrebbe perso forza. Viareggio non è in vendita e noi non siamo zerbini”. Questa battaglia, divenuta un simbolo, nasce – non dobbiamo dimenticarlo – dalla strage di 32 persone innocenti, vittime della crudeltà di un sistema burocratico e industriale che antepone il profitto alla tutela della sicurezza dei treni ma anche dalla volontà dei ferrovieri di partecipare, schierandosi dalla parte delle vittime e contro i poteri forti della burocrazia e della tecnocrazia ferroviaria europea.

.

Ecco quanto scrive Riccardo Antonini in merito al fallimento della conciliazione davanti al Giudice:

Perché non ho mollato …

Oggi era in programma l’udienza per la firma del “Verbale di Conciliazione Giudiziale” sulla mia reintegrazione. L’Ad delle ferrovie Moretti ha firmato, il sottoscritto No perché si tratta di un verbale che mette in discussione la dignità e la coscienza del sottoscritto. Se e quando rientrerò in ferrovia, questo sarà in piedi e a testa alta, non in ginocchio e con il cappello in mano, come vorrebbe il sig. Moretti.

Questa mattina ho assunto responsabilmente e coerentemente la difficile decisione di non sottoscrivere quel verbale per salvaguardare la mia dignità. Non era possibile sottoscrivere un documento che nega la verità, non era possibile sottostare a questo ricatto. Non si può, sempre e comunque, barattare la dignità. La strage di Viareggio non si compra, non si baratta, non si svende.

Il sig. Moretti pensava di incassare un “risultato” da spendere contro i lavoratori impegnati su sicurezza e salute e contro i familiari dell’immane tragedia di Viareggio oltre a farne una inutile e falsa strumentalizzazione politica. Forse non ha ancora capito che ‘Viareggio’ non sta sul mercato e non è disponibile a subire alcun tipo di ricatto o di compravendita.

In questi mesi ho mostrato profondo senso di responsabilità accettando la proposta di conciliazione del giudice del 5 luglio 2011 (respinta dalle ferrovie) ed ancora con la proposta di conciliazione presentata questa mattina nella quale non pretendo dal sig. Moretti di riconoscere l’opera di denigrazione, di ricatto, di minaccia, di provocazione attuata nei miei confronti da quando sono impegnato in questa battaglia per sicurezza, verità e giustizia.

La forza per proseguire questa lotta la ricevo da numerosi familiari presenti anche al presidio di martedì 22 gennaio a Lucca.

Saputo di quanto accaduto questa mattina, un familiare a me molto caro mi ha inviato questo sms: “Ciao Riccardo, hai scelto la strada più difficile per te e per la tua famiglia, ma hai anche scelto l’unica che può cambiare questo sistema. Ti ringrazio a nome mio e della mia famiglia. Un abbraccio”.

       

24 gennaio 2013                                                              riccardo antonini

     

Commenti   

 
+1 #1 ALFIO 2013-01-25 21:08
Ho letto tutto d'un fiato la proposta indecente di Moretti , l'Ad di FS. Che chiusura di stomaco, accompagnato da un senso di rabbia!!! Chiedere ad un lavoratore di abiurare tutti i diritti in cambio del reinserimento nel lavoro! (Non credo che Moretti possa pretendere ciò, però e' un guinzaglio : "la prima che mi fai ti sbatto fuori" inventandomi qualunque balla, perciò stai buono"). Ma questo Moretti che cosa faceva quando era dirigente della CGIL? Vuoi vedere che il guinzaglio lo hanno messo a lui? Poi ho letto la risposta di Riccardo, una lacrimuccia voleva scendere, ci sono state 32 vittime nel disastro di Viareggio, ancora adesso le famiglie e amici piangono, il Paese intero ne è rimasto scioccato. Riccardo... è la sola cosa che potevi fare. Un grazie da un pensionato dell'ATM di Milano, un ABBRACCIO e un arrivederci durante qualche manifestazione.
Citazione
 
 
+1 #2 sonia verzegnassi 2013-01-25 21:26
grazie Riccardo!
LA LOTTA CONTINUA!
Citazione
 
 
+1 #3 carmain 2013-01-25 22:00
la tua dignità è grande come te.
Citazione
 
 
+1 #4 Abramo C. 2013-01-26 09:28
"Hanno affilato la loro lingua come spada e hanno scagliato come frecce parole amare per colpire di nascosto l'uomo integro" (Salmo 64). Dev'essere terribile l'angoscia in cui sta vivendo Riccardo Antonini, e perciò è tanto più splendido il coraggio che dimostra. Sono felice che non sia solo e che qualcuno, senza clamore, lotti contro la paura e l'ingiustizia seminata dai padroni del mondo.
Citazione
 
 
+1 #5 Meri Lucii 2013-01-26 11:22
“D'altronde ogni collasso porta con sé disordine intellettuale e morale. Bisogna creare uomini sobri, pazienti, che non disperino dinnanzi ai peggiori orrori e non si esaltino ad ogni sciocchezza". ( Antonio Gramsci).
Saluto con affetto il Signor Riccardo Antonini.
Citazione
 
 
+2 #6 massimo allegretti 2013-01-26 18:54
Grandissimo Riccardo, sei davvero una PERSONA; degna di essere chiamata UOMO, non ti arrendere, l'arroganza di questi padroni senza anima prima o poi perderà, grazie a tutti quelli che come te amano la dignità e si battono contro i soprusi!!!!
Citazione
 
 
+1 #7 Ettore Fittavolini 2013-01-28 09:46
Solidarietà totale a Riccardo Antonini ed un abbraccio ai familiari delle vittime di questa strage.
Ettore Fittavolini
Presidente
Associazione Pendolari Piacenza
Citazione
 

L'ultimo numero

Siti amici

J!Analytics