Speciali

Login



Tot. visite contenuti : 2018310

Guasto a un treno: interrotta la linea Ancona-Pescara

ANCONA - Sono otto, secondo alcune fonti, i treni rimasti bloccati a seguito del guasto all'Intercity 784 Lecce-Milano. Trenitalia ha intanto fornito un aggiornamento sulla situazione di cinque treni: l'Espresso 1189 Chiasso-Lecce è stato - o sarà a breve - avviato sulla Falconara-Orte; l'Espresso 906 Lecce-Torino e il 901 Torino-Lecce sono fermi rispettivamente a Civitanova Marche e a Loreto.

Per quanto riguarda gli Intercity 785 Milano-Lecce, fermo ad Osimo, e il 784, quello interessato dal guasto e fermo a Porto Recanati, si è concluso il trasbordo dei passeggeri su una quindicina di pullman. L'Espresso 901 dovrebbe poter ripartire una volta che un treno 'tecnico' avrà controllato la linea per valutare eventuali danni provocati dal deragliamento. I viaggiatori complessivamente interessati dal blocco della linea sono circa 3.500, stando a fonti ufficiose, e se si renderà necessario il trasbordo di tutti occorreranno almeno 70 pullman, ognuno dei quali ha una capienza di una cinquantina di posti. Per il 906, Trenitalia ha riagganciato una locomotiva per consentire il riscaldamento del treno. Inoltre, per rifocillare i viaggiatori rimasti bloccati lungo la linea, ha messo a loro disposizione, a proprie spese, i bar delle stazioni di Porto Recanati, Osimo, Loreto e Civitanova Marche. Nelle stazioni di Ancona e Pescara sono poi stati preparati rispettivamente 1.500 e 1.100 panini. Gli accertamenti su cosa sia accaduto ai carrelli delle due vetture del Lecce-Milano sono ancora in corso, ma sembra che poco prima della stazione di Loreto, quando il convoglio procedeva ad una velocità di 25 chilometri orari, il macchinista si sia accorto di un problema alle boccole. Uno dei due carrelli sarebbe uscito fuori dai binari, senza tuttavia provocare feriti o contusi fra i 600 passeggeri, che in gran parte non si sarebbero neppure accorti dell'accaduto. Proteste, per la mancata assistenza, si stanno registrando tra i passeggeri rimasti bloccati a Porto Recanati dopo il guasto all'Intercity Lecce-Milano 784. "Siamo un migliaio di persone - lamenta uno dei viaggiatori che si trovava sul treno - fra cui famiglie con bambini, e da stanotte ancora non si è visto nessuno". "Siamo fermi al freddo nel piazzale della stazione; in più di cinque ore - aggiunge - è arrivata soltanto una pattuglia dei carabinieri".
BOLGIA IN STAZIONE CIVITANOVA MARCHE - Oltre 1.500 persone, secondo stime approssimative, sono accalcate nella stazione di Civitanova Marche, indirettamente interessata dal guasto dell'Intercity Lecce-Milano che ha provocato problemi a catena anche per gli altri treni in arrivo o in partenza lungo la tratta. Vi sono bagagli ammassati ovunque e i passeggeri - che hanno con sé anche molti bambini - protestano logorati dalla stanchezza e senza sapere come proseguirà il viaggio. Nel piazzale antistante la stazione c'é un ingorgo di traffico dovuto ai circa 20 pullman con cui i viaggiatori dovrebbero essere 'smistati' verso altre stazioni: da Osimo a Civitanova per quelli che vanno verso sud e da Civitanova a Osimo quelli diretti a nord. Per di più, la situazione del traffico già caotica è aggravata dal fatto che oggi a Civitanova è giorno di mercato.
ALLERTATA PROTEZIONE CIVILE MARCHE - La Protezione civile delle Marche è stata avvisata del guasto all'Intercity e delle possibili ricadute sul traffico ferroviario con i conseguenti disagi per i viaggiatori intorno alle 7, e a sua volta ha immediatamente allertato i Comuni interessati e il volontariato civile per fornire assistenza. Sono state anche avvertite le Prefetture di Ancona e Macerata. Secondo quanto ipotizzano i responsabili della Protezione civile marchigiana, i problemi causati dall'incidente potrebbero prolungarsi, dato che oggi, con i rientri dopo le vacanze natalizie, è un giorno già di per sé critico.
Fonte: ansa.it

L'ultimo numero

Siti amici

J!Analytics